fbpx
Bullismo, Ultima fermata! SunnyWay per il sociale

Bullismo, Ultima fermata! SunnyWay per il sociale

Fino a domani, 29 marzo, SunnyWay è partner del progetto “Bullismo, Ultima fermata”, un progetto ideato e progettato da Percorsi di Crescita Società Cooperativa con il contributo della Regione Lazio e delle amministrazioni locali. L’iniziativa ha lo scopo di arginare il fenomeno del bullismo attraverso la campagna ludica dello Urban Game, nel corso della quale i partecipanti saranno messi davanti a quesiti che comportano e dei percorsi alternativi. L’obiettivo è quello di trasmettere l’importanza della sana convivenza tra giovani e scapito degli stereotipi del bullo, educando ai valori dell’amicizia e del rispetto. Il progetto,  coordinato dalla Dott.ssa Mariangela Garofalo, amministratore della cooperativa che lo ha ideato, è in fase di ultimazione, ha avuto inizio il 19 dicembre u.s. e terminerà domani, 29 marzo 2017 proprio con lo svolgimento dello Urban Game per le strade del paese di Bassano Romano. Al gioco parteciperanno 40 ragazzi ma nel progetto nel suo complesso ne sono stati coinvolti più di 100. Il progetto prevede una fase di formazione/informazione, una fase di mappatura del fenomeno e la realizzazione dello URBAN GAME. Lo Urban Game  utilizza la  Metodologia dei giochi urbani e ha lo scopo di  mettere a confronto atteggiamenti e “modi di vedere e di vivere” spesso in contrasto tra loro (bulli o potenziali tali con vittime del bullismo). I ragazzi delle classi terze delle scuole medie inferiori verranno divisi in squadre. Ogni squadra avrà in dotazione un tablet sul quale verrà scaricata un’applicazione costruita ad hoc. Il gioco prevede l’individuazione di siti specifici individuati dal GPS; raggiunti tali siti i partecipanti si troveranno di fronte a delle scelte su possibili comportamenti bulli/non bulli. In questo modo avranno la possibilità di riconoscere e...
Your Company’s got talent!

Your Company’s got talent!

Your Company’s got talent è un format in cui l’espressione del talento artistico di ognuno dà forza al risultato del lavoro di tutta la squadra. Il talent dei singoli si somma per diventare un unico grande talento che porta la propria squadra alla vittoria. Un finale corale dove tutti i partecipanti riuniti in un’unica grande squadra creano un happening di grande emozione. I cantanti preparano una canzone come un coro professionista, con assolo delle voci soliste, il coro di accompagnamento, le voci percussive. Le canzoni, gli sketch, i balletti da interpretare sono frutto delle indicazioni venute dal blog. I ballerini provano una coreografia: lo stile di danza dei balletti (modern, urban, black, musical) è anch’esso deciso prima dell’evento dai blogger e dal coreografo professionista della sezione danza. Gli attori lavorano sull’improvvisazione teatrale con gli artisti di “Imprò”. I musicisti e i percussionisti eseguono un brano originale. LO SHOW Lo show vede l’esibizione delle diverse squadre divise per categoria. Oltre alla giuria di qualità (di cui i partecipanti non sono i protagonisti delle esibizioni) chi non sarà sul palco sarà pubblico e potrà giudicare grazie all’applausometro, questo per dare maggiore senso d’interattività e spettacolarità allo show. Anche il pubblico è quindi protagonista. Il presentatore che introduce ha anche il compito di dare i tempi alle diverse esibizioni e creare con la platea una vera e propria arena. In questo modo lo spettacolo diventa un’esplosione di energia, emozioni, euforia. Una performance che coinvolge sia il pubblico, sia i partecipanti che si mettono in gioco e si espongono in una veste completamente nuova per gli altri. L’HAPPENING FINALE E per finire vi...
Pizza contest, scoprilo con noi!

Pizza contest, scoprilo con noi!

Vi presentiamo il Pizza contest, un nuovo format il cui obiettivo è quello di creare un’attività di team building  in cui più squadre si sfidano per preparare la pizza migliore. La pizza è, infatti, il prodotto ITALIANO per antonomasia, ma allo stesso tempo GLOBALE per diffusione e notorietà. Ecco le fasi: Divisione in gruppi e scelta di un nick name: l’obiettivo è quello favorire l’appartenenza al proprio team e iniziare ad innescare meccanismi di competizione. Segue la presentazione del team cooking; Prima competizione in cui i gruppi si sfidano con l’helyum stick: una small tecnique in cui il gruppo vincitore avrà accesso a risorse importanti; Inizio dell’attività: training su preparazione della pizza che andrà a competere con le altre. Il gruppo, inoltre, produce una strategia di presentazione della pizza stessa. (ad es. pizza alle cipolle trasformata in “pizza stammi lontano”) e personalizza la confezione con disegni originali; Premiazione del miglior lavoro di gruppo secondi i seguenti criteri: miglior pizza, pizza più creativa, time management, pulizia e ordine del luogo di lavoro e migliore strategia di marketing. Contattaci per saperne di più e coinvolgere il tuo team!  ...
Dream-building, il lavoro di squadra che crea impatto sociale!

Dream-building, il lavoro di squadra che crea impatto sociale!

Il Dream-building è un nuovo format SunnyWay, un modo unico per vivere un team building che costruisce nel vero senso della parola la squadra, ma anche qualcosa di concreto per i bambini. Risultati tangibili nel processo d’organizzazione del team e con la gratificante consapevolezza di fare qualcosa di utile. I partecipanti, divisi in team, avranno una prima importante fase di progettazione: basandosi sulla situazione delle aree su cui intervenire e sul budget a disposizione, dovranno fare un’analisi dei bisogni e uno studio di fattibilità, per poter poi proporre un progetto realizzabile nei tempi previsti. Le cose non sono così semplici: i team progettano separatamente, ma poi si incontrano per creare un legame tra i progetti proposti; non sempre tutto ciò che viene proposto viene anche accettato, ma l’obiettivo è comune, e a volte la rinuncia del singolo team è necessaria per ottenere un risultato globale migliore. Il budget a disposizione è comune, e deve essere ripartito non equamente ma secondo criteri logici, basati sulle progettazioni effettuate. Tutte le opere devono essere terminate per il tempo assegnato: la sinergia emergerà nel momento in cui i team si daranno reciproco supporto per completare l’obiettivo. Non si tratta solamente di assemblare dei mobili preconfezionati: si tratta di definire il tema della stanza, selezionare gli accostamenti di colori, scegliere i mobili e montarli, pitturare le pareti, attaccare adesivi, dipingere quadri, rendere strabiliante qualcosa di bello, creare un ambiente che infonda gioia e ispiri la fantasia, di cui sia i team che i bambini possano andare fieri. Il...
Il Team Building nel Kick-Off Meeting

Il Team Building nel Kick-Off Meeting

Kick-Off è un’espressione presa dal football americano che si riferisce al calcio d’inizio della partita. Il meeting kick-off annuncia l’avvio ufficiale del progetto a tutte le persone coinvolte: il responsabile dell’iniziativa, il project team e i partecipanti. Nel meeting kick-off si gettano le basi per un progetto condiviso, un concetto comune di collaborazione. Si crea chiarezza, un vincolo tra i partecipanti, gettando così una base solida per il vostro progetto. L’attività di team building aiuta a costruire una cultura di squadra propositiva all’interno della vostra organizzazione, quindi perché non includere un team building nel vostro incontro annuale kick-off?! Oggi bisogna imparare a fare di più con meno. Cosa succede quando abbiamo risorse limitate? Non è solo perché abbiamo sempre fatto qualcosa in un certo modo che sia quello il modo in cui dovremmo continuare a farlo. Abbiamo bisogno di fare le cose in modo diverso per ottenere risultati migliori. Piuttosto che alla ricerca di ciò che non funziona, è meglio trovare ciò che è possibile. Questo stimola la creatività e spinge a far accadere qualcosa di positivo a chi vuole impegnarsi. Il meeting kick-off è una grande opportunità per la vostra squadra di conoscersi l’un l’altro con attività coinvolgenti e interattive. Lo spirito di squadra si crea perché quando siamo collegati agli altri partecipiamo di più. Quando abbiamo fiducia in noi stessi e in chi ci sta vicino siamo più disposti a uscire dalla zona di comfort, quando siamo preoccupati e non abbiamo buoni rapporti con i colleghi e in generale con l’ambiente lavorativo facciamo a malapena il nostro compito, pronti a criticare gli altri per qualcosa che non va...