Energy at Work: formazione e divertimento per la tua squadra di lavoro

La tua squadra ha bisogno di un po’ di energia per affrontare le sfide giornaliere che si presentano in ufficio?

Energy at Work è il team building che vi aiuterà a creare un forte legame e vi insegnerà a collaborare tra di voi in modo semplice e pratico.

All’interno del team building ci saranno varie attività ed esercizi per migliorare la conoscenza, la comunicazione e la creatività del gruppo.

Perché lavorare bene è spesso sinonimo di lavoro di squadra, ma per farlo è necessario conoscere l’altro e imparare a suddividersi i compiti così da poter essere sempre più efficienti.

Le attività proposte sono ludico educative per comprendere meglio le dinamiche che si possono trovare sul luogo di lavoro e imparare poi ad affrontarle con il problem solving, il decision making, la cooperazione e, soprattutto, la fiducia tra colleghi.

 

Energy at Work: come funziona?

Il team building è strutturato su tre fasi, così da rendere possibile un apprendimento veloce delle competenze e del modo più efficacie per poter collaborare insieme.

Le tre fasi sono:

  • Fase 1: Entra nel ritmo – è un’esperienza di apertura alle nuove attività e alla conoscenza dei colleghi con cui si partecipa al team building.
  • Fase 2: Entra in relazione – si analizza la modalità di lavoro e di azione dei componenti della squadra, attraverso la relazione che si crea tra i partecipanti e la loro cooperazione.
  • Fase 3: Crea l’unione – un’esperienza di sintesi in cui viene fatto un riassunto di come è andato il team building, per il gruppo in generale ma anche secondo il partecipante.

Durante il team building Energy at Work, i partecipanti sono guidati da formatori esperienziali esperti e coach in grado di guidare la squadra verso l’obiettivo.

I partecipanti avranno l’opportunità di fare un’esperienza basata sull’ascolto, la comunicazione e la fiducia tra colleghi, per poter sviluppare un legame forte da portare anche in ambito lavorativo.

Inoltre, ogni esercizio sarà calibrato in base al luogo in cui si svolge il team building, alla difficoltà e alle necessità di cui ha bisogno il team di lavoro.

Il fine unico è quello di creare un gruppo coeso, capace di comunicare efficacemente, in cui c’è una relazione di coinvolgimento, supporto e mutuo soccorso qualora ce ne fosse bisogno.

Questo aumenterà lo spirito di squadra e l’energia tra i componenti del team.

Gli esercizi ludico educativi sono diversi e hanno tutti uno scopo ben preciso, ma vediamone alcuni più da vicino.

 

Ice breaking

Come scritto dalla frase in inglese, serve per “rompere il ghiaccio” attraverso attività semplici e intuitive.

  • Qualcosa in comune - ogni partecipante deve raggrupparsi con altri compagni che hanno qualcosa in comune, che sia l’indumento di un colore, una caratteristica fisica o un accessorio. Questo permetterà di sviluppare la capacità di osservazione reciproca.
  • Localizzazione geografica – dicendo il nome, la data e il luogo di nascita, il partecipante dovrà disporsi su una mappa immaginaria. In seguito, gli altri faranno lo stesso cercando di ricostruire la mappa in base alla posizione dei colleghi che si sono sistemati prima.
  • Jump!energizer dinamico in cui i partecipanti devono porre l’attenzione sul raggiungimento e superamento degli obiettivi.

 

Helium Hula Hoop

Ai partecipanti, divisi in gruppi, verrà dato un hula hoop da mettere al centro. Questo dovrà essere sorretto da tutti solo con l’utilizzo del dito indice e del pollice (posizione a pistola), per poi farlo scendere fino a terra.

La difficoltà sta nel saper fare decision making e problem solving, essere predisposto all’ascolto e alla comunicazione e cercare di raggiungere l’obiettivo comune insieme.

 

Enigmi: pensiero laterale

Le squadre dovranno trovare un modo per risolvere gli enigmi che non rispecchi quello utilizzato in una logica sequenziale.

Questo darà modo di sperimentare, aguzzare la creatività e imparare ad essere maggiormente flessibili.

 

Gimcana Bendata

Una staffetta in cui i partecipanti si dividono in coppie e devono affrontare un percorso ad ostacoli.

Uno dei due viene bendato e condotto nel percorso attraverso le indicazioni del compagno, che sarà i suoi occhi durante la sfida.

Un esercizio basato esclusivamente su fiducia e comunicazione, in cui la coppia dovrà terminare il percorso nel minor tempo possibile.

 

Fiume acido

I membri del team devono attraversare un immaginario fiume acido passando da una mattonella all’altra, tenendosi per mano.

Ognuno di loro dovrà rispettare i tempi e i movimenti degli altri, altrimenti si rischia di “cadere” fuori dalle mattonelle e di dover ricominciare il percorso dall’inizio.

 

Roba che scotta

I partecipanti disposti in diversi gruppi devono andare “in missione”, alla ricerca di materiali radioattivi e dei loro neutralizzatori.

Una volta trovati entrambi i recipienti, il contenuto di uno deve essere versato nell’altro.

Questo deve però avvenire nell’esatto momento in cui lo fanno anche gli altri gruppi, così da evitare la catastrofe e vincere la sfida!

 

Marshmallow challenge

È una sfida coinvolgente che richiede molta attenzione, creatività, intuizione e lavoro di squadra.

Consiste nel costruire una struttura autoportante con il solo utilizzo di un metro di nastro adesivo, un metro di corda, venti spaghetti e un marshmellow.

Ognuno dovrà partecipare alla realizzazione fornendo le proprie idee e competenze.

 

Dentro o fuori dall'ufficio?

Il team building si può svolgere sia dentro che fuori dall’ufficio.

Ma spesso consigliamo di farlo in un posto differente da quello lavorativo, in modo che i colleghi abbiano la possibilità di conoscersi al di fuori del solito ambito e in altri contesti.

Questo fa sì che i partecipanti escano dalla comfort zone di un ambiente conosciuto, in cui spesso le persone tendono mettere barriere che rendono complicata la costruzione di legami stretti.

Molte delle attività descritte, inoltre, possono essere svolte anche all’aperto e per passare una bella giornata insieme in mezzo al verde.

 

Quali sono i benefici di questo team building

Il team building permetterà al gruppo di comprendere quali sono le competenze di ognuno e sviluppare al massimo le potenzialità della squadra.

Stringere un rapporto di fiducia e stima reciproca migliora il lavoro di squadra e può aiutare nelle sfide di tutti i giorni.

Le attività sono strutturate in modo tale da permettere alle persone di entrare in contatto psicologicamente ed emotivamente.

Successivamente, i partecipanti avranno modo di riflettere soprattutto sull’importanza dei ruoli all’interno dell’ambiente lavorativo e di come poter sfruttare a pieno le proprie competenze per raggiungere il comune obiettivo dell’azienda.

Dare un senso di appartenenza al gruppo è uno dei passi fondamentali per far sì che il suo lavoro sia davvero efficiente.

 

Perché affidarsi a SunnyWay

In SunnyWay ci occupiamo da 20 anni di organizzare le migliori attività di team building personalizzate per le aziende che desiderano partecipare ad esperienze di valore per il proprio team.

Ci impegniamo per offrirvi delle iniziative efficaci, non convenzionali e in grado di avere un impatto positivo su tutti i membri del team.

Il nostro direttore creativo Elio Zoccarato è un coach strategico professionista, iscritto in AICP (Associazione Italiana Coaching Professionisti).

Il nostro staff guiderà te e il tuo team per tutta l’attività, predisponendo accuratamente l’organizzazione della tua esperienza di team building nei minimi dettagli.

Contattaci ora per organizzare il tuo team building Energy at Work.