copertina - tecniche-di-team-building

uida alle tecniche di team building: cosa sono

 

In un ambiente di lavoro ci si riferisce al team building per identificare tutte quelle tecniche ludiche, formative ed esperienziali che servono a creare o rinforzare lo spirito di squadra attraverso lo sviluppo di molteplici abilità.

Ci sono quindi esercizi sulla fiducia, giochi di ruolo, risoluzioni di finti delitti e molto altro.

Gli attori coinvolti sono l’azienda, il leader ed il team.

  • L’azienda deve far capire che le sue intenzioni sono quelle di valorizzare il lavoro e le capacità dei singoli
  • Il leader deve comunicare chiaramente al team gli obiettivi che vuole raggiungere attraverso il team building (aumento autostima, miglioramento ambiente di lavoro, aumento produttività...)
  • Ogni elemento del team deve essere messo in condizione di poter affermare “io sono utile poiché il mio lavoro è necessario per raggiungere questi risultati”

Tutti gli elementi appena citati sono fondamentali affinché le attività di team building non rimangano delle attività ludiche fine a sé stesse.

Oggi il team building è un fenomeno sempre più diffuso e molto spesso è inserito o all’inizio di percorsi di studio, per facilitare la conoscenza tra compagni, o all’interno di un processo di “performance management”, per aiutare i dipendenti a sviluppare determinate competenze trasversali.

 

A cosa servono 

Il termine Team building letteralmente significa “costruzione della squadra” ed è l’insieme di apposite tecniche che mirano a creare un gruppo efficiente allo scopo di garantire ottime performance produttive da parte dei dipendenti dell’azienda; il presupposto da cui si parte è quello per il quale in un gruppo di lavoro solido ognuno, lavorando in sinergia con gli altri, contribuisce al successo dell’azienda ed al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Fare team building, quindi, non è un vantaggio solo per il lavoratore, perché si troverà a lavorare in un ambiente di lavoro migliore, ma anche per l’azienda stessa, in termini di guadagni economici.

Poiché sono tecniche per migliorare l’ambiente di lavoro e non per renderlo peggiore, ecco alcuni consigli su cosa fare o evitare.

 

Cosa fare:

  • Ricreare situazioni lavorative reali per aiutare nella risoluzione delle problematiche quotidiane
  • Dedicare al debriefing i momenti successivi al termine delle attività
  • Progettare bene le attività per non correre il rischio di confondere l’obiettivo del team building
  • Follow-up per mantenere i risultati

Cosa non fare:

  • Attività troppo sfidanti fisicamente; potrebbero creare disagio in alcuni membri del team, oltre a non essere fondamentali in ambito professionale
  • Puntare a generare emozioni forti, elemento estremamente soggettivo
  • Scelta casuale del formatore o facilitatore; poiché deve svolgere attività di debriefing di qualità, è bene rivolgersi ad un professionista
  • Eventi una tantum; piuttosto si devono considerare le attività di team building come parte di una strategia più ampia.

 

Quali sono: esempi 

Esistono numerose tecniche di team building, adatte o adattabili ad ogni contesto; attività più utili per team con un numero alto di componenti o viceversa, giochi che sviluppano differenti capacità trasversali, attività più economiche o più dispendiose, più semplici o relativamente più complesse.

In questa sede vi proponiamo una divisione delle tecniche di team building basata sulla dicotomia interno/esterno all’azienda.

 

Attività da svolgere all’interno dell’azienda 

Sono attività ludiche che non necessitano di spazio e possono essere messe in piedi, idealmente, a qualsiasi ora, indipendentemente dal tempo, non facciano troppo rumore o non sporchino ovunque; inoltre per realizzarle non si ha bisogno di particolari attrezzature.

  • Active painting: attività creativa che sviluppa il pensiero laterale esaltando le capacità artistiche dei partecipanti
  • Aperitivo aziendale: organizzato in azienda, ma anche fuori, è utile per interagire con i propri colleghi e più divertente ed informale di un pranzo
  • Argomenti di discussione: i membri del team devono vagare a caso in una stanza. Allo “stop” del moderatore, il quale sceglie anche un tema, si devono fermare e parlare dell’argomento con la persona più vicina. Questo gioco stimola l’interazione e la conoscenza
  • Bianco e nero: ogni partecipante ha attaccato sulla schiena una parola; lo scopo del gioco è scoprire quale è la parola e successivamente trovare il proprio opposto, facendo domande agli altri partecipanti
  • Bilancia umana: si esegue stando in cerchio e tenendo una corda. L’obiettivo è di essere tutti sbilanciati ma tenersi comunque in equilibrio controllando la forza di trazione propria e degli altri.
  • Build it with a brick: in cui si utilizzano i Lego. Le squadre si sfidano su diversi obiettivi da perseguire; nonostante ciò l’obiettivo finale è condiviso da tutti, ad esempio la costruzione di una città “ideale”
  • Bull ring: trasportare un oggetto da un luogo ad un altro al quale non può accedere nessun uomo. Gli obiettivi perseguiti da questo gioco sono la strategia, la pianificazione, la cooperazione e la definizione dei ruoli
  • Caccia al tesoro: da organizzare sia in azienda che fuori, anche all’insaputa dei lavoratori
  • Caccia al tesoro 2.0: rivisitazione in chiave tecnologica della versione classica
  • Club del libro: attività di engagement culturale, che può proseguire anche fuori l’azienda
  • Coro: utilizza la musica come linguaggio per generare empatia ed energia tra i partecipanti. Può avvenire sia all’interno che all’esterno
  • “Di te ho apprezzato”: al termine di un lavoro di gruppo, far scrivere su dei post-it ciò che ognuno ha apprezzato degli altri membri del team
  • Drum circle: ha l’obiettivo di realizzare un progetto ritmico partendo da competenze specifiche inesistenti
  • Fantacalcio
  • Fila dei compleanni: consiste nel mettersi in fila in ordine crescente in base alla data di nascita, il tutto senza parlare, ma utilizzando il linguaggio del corpo, dei gesti e gli sguardi. Questo può essere fatto anche in base al cognome
  • Giochi da tavolo: come Trivial pursuit, Tabù, Twister ed altri simili
  • Giochi di ruolo: servono per fare gruppo
  • Giochi senza frontiere: format utile per il gioco di squadra
  • Gioco dei caratteri: attraverso questo gioco si ha la possibilità di dire ciò che si pensa di un collega attraverso dei bigliettini in cui vengono scritti due caratteri negativi e tre positivi
  • Gioco delle possibilità: in gruppi si devono cercare utilizzi alternativi di un oggetto
  • I 3 cerchi: in questo gioco, ogni cerchio posizionato a terra ha un significato (panico, sfida, comfort). Il partecipante deve posizionarsi in uno di questi cerchi dopo che il moderatore nomina un soggetto o un’attività, motivando la scelta
  • Lancia la palla: aiuta a familiarizzare con i nomi dei colleghi
  • Meditazione: attraverso l’allestimento di una sala apposita, aiuta ad abbattere lo stress e ad instaurare un clima aziendale disteso
  • Movie making: attività creativa volta alla realizzazione di un breve filmato dall’idea al prodotto finale
  • Puzzle
  • Riffa di Natale: modo alternativo per distribuire gli omaggi ai dipendenti
  • Scorie radioattive: sviluppa abilità strategiche nel portare, da una zona contaminata ad una sicura, delle scorie radioattive, ovviamente immaginarie, senza superare il limite della zona rischiosa
  • Social team building: realizzare un prodotto che servirà a migliorare la qualità della vita a un soggetto beneficiario come un parco giochi per bambini, cucce da donare ai canili e molto altro
  • Spider web: superare una ragnatela immaginaria passando solo attraverso i suoi buchi senza toccarla. Questa è un’attività che sviluppa lo spirito strategico e la cooperazione
  • Tangram: sviluppa la collaborazione tra colleghi. Lo scopo del gioco è quello di creare, divisi in gruppi, più tangram possibili nel minor tempo
  • Task bizzarri: eseguire cose bizzarre scritte in un elenco compilato dai colleghi
  • Torre di carta: creare le tipiche torri con le carte da gioco
  • Trust fall: consiste nel tuffarsi ad occhi chiusi tra le braccia dei colleghi. Nella fase finale si può anche venire sollevati completamente da terra

 giochi di ruolo - tecniche di team building

Attività da svolgere all’esterno dell’azienda 

  • Adventure aziendale: comprendono prove di outdoor training come costruzione di zattere, guida con quad e fuoristrada, ponte tibetano
  • Arrampicata: sia all’aperto che al chiuso in strutture adibite a tale attività
  • Art-Door: attività di esplorazione di un territorio o città con lo scopo di trovare ed interpretare significati storici rilevanti e adattarli alla situazione organizzativa del gruppo
  • Bowling: lascia ampi spazi per la conversazione, scambio di idee, consigli e battute
  • Camminata della fiducia: a coppie, una persona bendata deve farsi guidare dal compagno non bendato per superare degli ostacoli
  • Campeggio: necessita di lavoro di squadra dal montaggio delle tende a situazioni più complicate
  • Carton Boat: serve a vedere oltre i limiti ed a trarre il massimo dalle risorse a disposizione. Il gioco consiste nella realizzazione di un’imbarcazione di cartone con la quale poi si svolgerà una regata
  • Cooking training management: sfrutta uno dei temi di maggiore attrazione, la cucina; in realtà è una metafora per parlare dell’azienda.
  • Cena al buio: esperienza sensoriale. Aiuta a dialogare con altre persone senza essere influenzato dall’aspetto fisico
  • Cena con delitto: forma di intrattenimento molto efficace a metà tra uno spettacolo teatrale e un gioco di investigazione
  • Cinema/teatro
  • Corso di sopravvivenza: stimola la capacità di effettuare una rapida analisi della situazione per poi prendere velocemente una decisione
  • Dragon Boat: da praticare in qualsiasi località di mare, lago o fiume. Sviluppa l’aspetto collaborativo e di coordinamento tra i membri del team.
  • Escape room: attività collaborativa nella quale si devono risolvere degli enigmi per uscire dalla stanza in cui si è rinchiusi
  • Escursione: attività distensiva e da svolgere in un contesto naturale
  • Fat e-bike: escursioni in montagna alle quali si possono aggiungere “missioni di soccorso” e orienteering
  • Giochi da boy-scout
  • Gruppi di corsa: per combattere lo stress
  • Orienteering: mette alla prova capacità di osservazione e memorizzazione. Interessante anche la sua variabile marina
  • Parchi divertimento: per migliorare l’affiatamento del gruppo
  • Parco avventura
  • Pedal go-kart: creare insieme il proprio go-kart
  • Secret Santa: situazione per la quale ognuno deve fare un regalo di natare a un collega capitato in sorte
  • Sfide sui Kart
  • Softair: aiuta a sviluppare capacità strategiche
  • Stunt experience: prove fuori dal comune
  • Team building solidale: lavorare in un contesto di vicinanza con bambini e altri beneficiari. Si sviluppa un forte senso di appartenenza al team e all’azienda
  • Terme: per combattere tensioni e stress
  • Tiro con l’arco: metafora del raggiungimento di un obiettivo
  • Tree Adventure: gare da praticare in squadre di massimo 10 concorrenti
  • Sport di squadra
  • Viaggio aziendale
  • Volontariato: offre l’opportunità di conoscersi meglio fuori dall’ufficio

In ognuno dei casi descritti sopra, un ruolo fondamentale è giocato dal debriefing, come già accennato, mentre altrettanto importante è il momento della celebrazione del risultato ottenuto poiché è un momento di identificazione collettiva.

 

Perché rivolgersi a Sunnyway 

Implementare il team working in azienda non è così semplice come potrebbe sembrare.

Per questo motivo ti consigliamo di affidarti a dei professionisti del settore, come Sunnyway, da 15 anni esperta di team building basato sul modello dell’esperienzialità.