Team Building SOS Villaggi dei Bambini: Virtual Cooking

 

Il mondo SOS 

SOS Children’s Villages è un’organizzazione internazionale privata, apolitica e aconfessionale. È impegnata da più di 60 anni nell’accoglienza di bambini privi di cure genitoriali o temporaneamente allontanati dalle famiglie e promuove programmi di prevenzione all’abbandono e di rafforzamento familiare in 134 paesi e territori del mondo. 

SOS Children’s Villages International è presente in Italia dal 1963.

I 6 Villaggi SOS in Italia presenti a Trento, Ostuni, Vicenza, Roma, Saronno e Mantova, appartengono alla grande famiglia SOS e da tempo hanno affiancato alle tradizionali comunità familiari di accoglienza, alla base del modello SOS, numerosi programmi di sostegno per bambini e adolescenti nel passaggio alla vita adulta e per le famiglie in difficoltà.

 

Virtual Cooking

L'attività

Cooking Virtual Team Building è un’attività pensata per rafforzare lo spirito di squadra in una competizione davvero particolare.

Le squadre sono impegnate nella creazione di piatti per veri buongustai sperimentando durante il gioco la propria coesione, la capacità di comunicare, la collaborazione, la cooperazione e la leadership. 

I partecipanti sono divisi in gruppi. Si lavora sulla piattaforma zoom.us, nelle breakout room e ovviamente nella propria cucina.

I format tra cui scegliere sono diversi e si adattano alle esigenze di ogni gruppo.

Lo chef Oronzo de Iure e i ragazzi del Villaggio SOS di Vicenza accompagnano e guidano i partecipanti in questa esperienza.

 

I format

Cast Away 

Ogni team viene reindirizzato alla breakout room. 

Ogni partecipante ha 10 minuti per scegliere tre ingredienti dal proprio frigorifero e fare un veloce briefing con i compagni di squadra per decidere che piatti proporre e come presentarli.

Ogni partecipante, in un tempo prestabilito, prepara una portata.

L’obiettivo è quello di riuscire a creare un menù completo, legato da un filo conduttore che raggruppi i patti dell’intera squadra.

La regia riporta tutti i partecipanti nella stanza principale di zoom, dove ciascun team espone il proprio menù e il concetto che lega tutti i piatti.

L’impiattamento è fondamentale e costituirà una parte importante del punteggio finale.

 

Chef in the box

Nei giorni che precedono l’evento ogni partecipante riceve una box contenente gli ingredienti da usare.

Questa volta lo chef non dà nessuna ricetta.

La sfida per i partecipanti è quella di riuscire a creare un menù completo (ogni membro del team cucina una portata) usando tutti gli ingredienti indicati dallo chef. 

Il menù completo più coerente, realizzato con più cura e impiattato nel miglior modo vince la sfida!

 

Food blogger

Un format attuale e sfidante, che, oltre all’abilità in cucina, mette alla prova le capacità di marketing e la fantasia dei team. 

In questa attività è fondamentale l’impiattamento, scegliendo abbinamenti e colori. 

Ad ogni team viene assegnata una pagina Instagram. I partecipanti scattano foto artistiche dei piatti, scelgono i filtri, e gli Hashtag giusti e pubblicano i piatti sul profilo della squadra.

Il team vincitore verrà decretato giudicando la creatività, la qualità delle fotografie e… il numero di likes.  

 

Chef Oronzo de Iure 

Chef Oronzo de Iure è cresciuto nel Villaggio SOS dei Bambini, guida e accompagna i partecipanti per l’intera durata dell’attività. 

La sua passione per la cucina nasce nel villaggio SOS di Ostuni, con «pazienza e umiltà», come impara lavorando al fianco di un maestro gelataio, si dedica alla cucina raggiugendo grandi traguardi. 

Lavora al fianco dello chef Carlo Cracco in occasione della cena di solidarietà e beneficenza per il villaggio SOS di Ostuni e realizza il suo sogno, aprire un ristorante proprio nella sua città natale. 

 

I tutor

Ogni team è accompagnato da un tutor che assiste i partecipanti nella realizzazione del piatto.

I nostri tutor d’eccezione sono i ragazzi che hanno lavorato nell’impresa sociale del Villaggio SOS di Vicenza “Pane Quotidiano”, imparando l’arte della cucina, della pasticceria e della panificazione. 

 

 

 

SOS Villaggi dei Bambini