La capacità di lavorare in gruppo è davvero fondamentale?

Hard skills o soft skills?

Se in passato le prime erano il vero ago della bilancia nel percorso di selezione che porta alla scelta di una risorsa o di un’altra, con il passare del tempo questa tendenza è decisamente cambiata.

Le soft skills, cioè quelle capacità che rientrano nella sfera cognitiva e comunicativa delle interazioni umane, sono sempre più importanti!

Oltre le abilità tecniche, quindi, per un’azienda è fondamentale capire come una persona si relaziona con gli altri, come agisce in un determinato contesto o in che modo si pone davanti a un problema, per decidere se assumerla o meno.

La capacità di lavorare in gruppo è a tutti gli effetti una soft skill e dimostrare di possederla…può davvero fare la differenza!

Sono tanti i motivi per cui possedere le abilità di team working è importante: intanto, come avrai già notato, si tratta di un requisito molto ricercato dalle aziende, espresso chiaramente negli annunci di lavoro.

E non è tutto. Moltissimi lavori sarebbero impossibili da fare senza l’interazione con l’altro, poiché in tanti casi aiuta a raggiungere risultati che, da soli, sarebbe molto più complesso ottenere.

Pensi di possedere o meno questa abilità? Come pensi di metterla in evidenza?

Perché tutti lo scrivono nel curriculum

Quando ti trovi a scrivere o aggiornare il curriculum, tra i suggerimenti vari su come scriverne uno impeccabile, la voce che spesso ti viene raccomandato di inserire tra le abilità personali è proprio la capacità di lavorare in gruppo.

Ma perché tutti la reputano così indispensabile?

In fase di selezione è importante che il curriculum non passi inosservato: possedere delle abilità tecniche è indispensabile, ma occhio a non dimenticarti delle soft skills!

Nella vita lavorativa, infatti, sviluppare competenze trasversali e inserirle nel proprio curriculum vitae aiuta il recruiter a comprendere che tipo di persona sei.

Non dimenticarti di segnalare la tua capacità di lavorare in gruppo e, in fase di colloquio, di metterla in evidenza parlando anche di esperienze di vita come lo sport, attività di volontariato o altro, che possono aver contribuito ancora di più a rafforzarla.

Come affinare la capacità di lavorare in gruppo

Vuoi migliorare la tua capacità di lavorare in gruppo ed essere più performante nel tuo lavoro?

Ti sarai già accorto, facendo qualche ricerca sul web, che non esiste una “regola aurea” per affinare questo tipo di abilità, ma non disperare!

Anche se non riceverai un attestato finale da sfoggiare con fierezza nel tuo ufficio, ci sono molte strade che puoi seguire per perfezionarti sotto questo punto di vista…a partire dalla tua vita extra lavorativa!

Sembrerà banale, ma praticare sport di gruppo aiuta la condivisione e la collaborazione! Attività come il basket, la pallavolo, il calcio o la palla a nuoto permettono di rafforzare quel senso di squadra, di unità per il raggiungimento di un obiettivo comune e di sacrificio condiviso.

Non si tratta quindi solo di movimento fisico, ma anche e soprattutto di un’attitudine mentale che viene allenata, giorno dopo giorno, e che può portare tanti benefici nella tua vita lavorativa.

lavorare in gruppo

Lo sport non è il tuo migliore amico? Puoi sempre orientarti su altre alternative. Se ti piace l’avventura, puoi provare a partecipare a viaggi di gruppo con persone completamente sconosciute!

In questo modo metterai alla prova il tuo spirito di adattamento, migliorerai la tua comunicazione con gli altri e avrai modo di collaborare per il benessere del gruppo, fuori dalla tua comfort zone.

Se invece vuoi renderti utile non solo per te stesso, ma anche per il prossimo, puoi valutare l’idea di iniziare un’esperienza di volontariato: si tratta senza dubbio di un’attività nobile, che per di più ti permetterà di sviluppare le tue abilità come team player, rendendoti più propositivo e parte di un gruppo.

Ci sono consigli pratici per affinare questa soft skill

Lavorare in team ti piace, ma ancora non ti senti completamente a tuo agio nel farlo?

Aziende e responsabili delle risorse umane apprezzano molto questa qualità, perciò datti da fare!

Essere bravi non basta e noi abbiamo pensato, quindi, di darti qualche consiglio pratico per aiutarti a migliorare la tua capacità di lavorare in gruppo e acquisire l’atteggiamento giusto:

  • Mostrati positivo. Non farti sopraffare dalla pressione lavorativa o dalle difficoltà del progetto: se vuoi che il tuo sia un gruppo di successo, la prima regolare è avere un atteggiamento positivo;
  • Pianifica le tue giornate lavorative. Il tempo spesso è tiranno, ma è la bussola che orienta tutte le tue azioni. La gestione del tempo è un aspetto importante quando si lavora in gruppo: saperlo organizzare nel dettaglio non aiuterà soltanto te, ma spingerà i tuoi colleghi a fare lo stesso;
  • Limita l’uso delle email. Quando possibile, comunica con gli altri di persona. Limita l’utilizzo della mail per comunicare dati o informazioni tecniche, mentre per tutto il resto preferisci il contatto umano, evitando possibili fraintendimenti;
  • Ascolta le nuove proposte. Mettersi in ascolto può aiutarti a valutare punti di vista diversi che ancora non avevi considerato. Ogni idea, anche quella più piccola, può rappresentare un momento di scambio, che aiuta a mantenere una comunicazione sempre chiara all’interno di un gruppo. In questo modo, nessuno si sentirà al di sotto di qualcuno e la produttività aumenta;
  • Che sia tu a gestire il gruppo o meno, mostrati sempre di buonumore e contagia il team con il tuo sorriso. Un clima come questo favorisce la proliferazione di nuove idee creative e facilita la possibilità di trovare soluzioni a problematiche diverse.

Tutto sommato, le “regole” per lavorare bene in gruppo sono le stesse che applichi nella vita privata: un atteggiamento onesto, trasparente e responsabile sarà la carta vincente per migliorare te stesso e le tue prestazioni lavorative.

Ci sono attività specifiche per migliorare?

Divertirsi con il proprio gruppo di lavoro? Sì che si può!

Certo non è sempre tutto rosa e fiori, perché i colleghi di lavoro come i familiari non puoi sceglierli, ma ti capitano! Bisogna, però, adattarsi e saper trovare un equilibrio, perché un team motivato è un team di successo!

Ma quali sono le attività che aiutano a creare un clima di lavoro disteso, incentivando le relazioni tra colleghi?

Sono sempre di più le aziende che investono sul benessere dei propri dipendenti, promuovendo giornate di team building che risultano utili per diversi motivi: sviluppano la comunicazione tra dipendenti e management, creano bei ricordi e favoriscono un atteggiamento proattivo per lo sviluppo di nuove idee.

L’obiettivo principale del team building, infatti, è proprio quello di consentire ai partecipanti di contribuire al raggiungimento di obiettivi comuni e di lavorare nella stessa direzione.

Un aspetto fondamentale, questo, che determina il successo di un’azienda, perché comprendere i punti di forza e di debolezza del proprio gruppo di lavoro, aiuta a capire come suddividere al meglio i ruoli e le responsabilità, per realizzare un progetto di qualità.

Giochi, aperitivi, competizioni sportive, giornate musicali, viaggi e lezioni di cucina sono alcune delle attività ed esperienze di team building tra le quali scegliere, a seconda delle esigenze aziendali e del tipo di gruppo di lavoro sul quale si vuole lavorare.

Chi ha le competenze per formare

Organizzare team building e aiutare un’azienda a migliorare le prestazioni dei propri dipendenti richiede una grande preparazione, oltre che la capacità di capire quali siano i punti deboli di una società su cui andare a lavorare.

Rivolgersi a professionisti del settore, quindi, è fondamentale per far sì che gli effetti di queste attività siano davvero evidenti e non siano riducano ad un breve entusiasmo del momentaneo per una piccola interruzione della solita routine giornaliera.

I formatori esperti aiutano a sviluppare la comunicazione e la collaborazione tra i membri di un gruppo, attraverso attività mirate di apparente svago, che però nascondono al loro interno molti momenti formativi.

Ciò non significa che incontri extra lavoro tra colleghi siano inutili o da evitare, ma per acquisire competenze trasversali e puntare alla crescita del gruppo di lavoro sotto ogni punto di vista è necessario affidarsi a veri professionisti.

Perché rivolgersi a Sunnyway

A ogni esigenza il suo team building!

Puntare sulla coesione di un gruppo di lavoro è la chiave per raggiungere il successo! Sunnyway da più di 20 anni si occupa di team building, realizzando esperienze a 360° con l’obiettivo di migliorare le performance aziendali attraverso il benessere dei dipendenti.

Le hard skill si acquisiscono attraverso lo studio, i corsi formativi e l’esperienza sul campo, mentre per le competenze trasversali servono i momenti di vita vera! Non esistono manuali o master su come creare un clima di fiducia e di rispetto con i propri colleghi di lavoro, o su come gestire stress ed emozioni, perché le relazioni umani si costruiscono proprio a partire da esse stesse.

Sunnyway con il suo team di professionisti parte proprio da questo e, attraverso format di ogni tipo, progetta eventi indoor e outdoor che mirano a sviluppare l’ascolto, il supporto, il problem solving, la fiducia e la collaborazione tra tutti i membri del gruppo, valorizzando le risorse di ogni singolo individuo.